TRA VIAGGI E BACKSTAGE - The Make Up Artist School

TRA VIAGGI E BACKSTAGE

 

Un make up artist può sviluppare le sue competenze professionali in diversi ambiti ; tra le specializzazioni possibili quella del fashion è una delle più ambite, forse perché ti consente di massimizzare allo stesso tempo l ‘ unicità dell’ esperienza professionale con la diversità degli scenari internazionali.
Come si diventa fashion make up artist ?
Bisogna specializzarsi con dei moduli ad hoc, corrispondenti a delle competenze specifiche da raggiungere alla fine del percorso, competenze che devono essere necessariamente di settore , perché quelle del beauty da sole non ti consentono di poter affrontare un backstage internazionale. In questa fase io, in ruolo di keymakeupartist , inizio a trasferire il mio know how ai muas, preparandoli mentalmente e teoricamente al lavoro del backstage mediante simulazioni e workshop.
La flessibilità , la velocità e la performance stessa del fitting , tuttavia si comprendono a pieno con la pratica sul campo , è solo lì , dinanzi a tutte quelle scalette, a quegli input da assimilare, a quei tempi da rispettare, a quei tanti e differenti visi da truccare ed in così poco tempo, che quelle capacità apprese si possono finalmente trasformare in competenze chiave.
Come make up artist manager curo, in prima persona, attraverso la mia make up agency la fase finale del processo formativo dei miei muas, offrendo loro tanta esperienza e pratica sul campo. I moduli presenti nell’ offerta didattica trovano così una primo approccio esperienziale davvero utile per attualizzare le competenze apprese in aula, portandole avanti, rappresentandole e soprattutto realizzandole in progetti di eventi e di moda reali sia nazionali che internazionali .
La cura del progetto di agency parte dall’organizzazione del viaggio, di tutti i particolari per il team event ; organizzare il materiale per uno show internazionale non è mai semplice, né banale e bisogna pensare proprio a tutto, specie se si vola in aereo. Forse sarà per questo che il mio bagaglio a mano alla fine poi si trasforma sempre in una valigia da stiva. La scelta dei cosmetici per uno show internazionale deve essere infatti ben ponderata in base all’ ampia varietà delle etnie dei modelli da truccare. Per non dimenticare nulla a casa il vecchio metodo del seguire l ‘ asse viso-occhi-labbra può tornarvi utile. Certo l‘ imprevista richiesta sul posto è dietro l’angolo e per questo infatti preparo sempre una pochette a parte con materiale mastice, supracolour, pigmenti, pros-aide, tensori .
Ovviamente oltre alla valigia in stiva , porto con me anche il bagaglio a mano dove custodisco il materiale per me più prezioso per lavorare , questo è il consiglio che do a tutti …. In questo modo anche se malauguratamente un bagaglio dovesse andare perso avete sempre con voi una soluzione salvavita.
Una volta arrivati a destinazione , meglio anticiparsi sui tempi, io ad esempio arrivo sempre tre ore prima al backstage rispetto all’orario pattuito, per preparare la postazione al meglio, guardare il catwalk, studiare le luci ed incontrare i designer con i quali effettuo solitamente un test per confermare i beauty look .
Su di un foglio di lavoro quindi inserisco i nomi dei modelli e delle modelle in base all’uscita e creo una pianificazione del lavoro in modo da essere certa di riuscire a rispettare i tempi, ma intanto non sono più sola a lavorare, c’è il mio team che ansima per la voglia di mettersi all’opera ed a me spetta rassicurarli e mantenerli caldi proprio come fa un coach con la sua squadra prima di una gara da giocare. Dal momento in cui arrivano i modelli parte un breve breifing con il team per delineare il mood, e poi start, è giunto il momento. Quando finalmente ti trovi dinanzi a tutti questi volti stupendi, dai tratti così perfetti, alcuni semplici ed altri articolati, altri fini ed altri mascolini, ti accorgi della grande varietà del lavoro che stai svolgendo, per il quale la preparazione beauty è necessaria per sopravvivere ma non per seguire a pieno il briefing. La preparazione infatti segue il numero di uscita e ci sono ben 80 modelli da truccare in sole due ore e per essere veloci si devono seguire tecniche diverse provenienti essenzialmente dal beauty tradizionale, che ti consente sempre di ottimizzare i tempi ,ma la cura dei dettagli , come ad esempio le ciglia finte ( applicate sempre in base alla correzione da fare) e la scelta dei colori devono tener conto dello studio della fisionomia del viso, competenza appresa nel modulo fashion.
Quello che ti resta da esperienze come queste, è la consapevolezza del saper fare davvero il tuo lavoro, prima, durante e dopo l’evento . Il giorno dopo infatti l ‘adrenalina ti resta in circolo ancora per 24 ore , ma sei felice perché sai finalmente chi sei , ora che sei stato parte di un evento internazionale, ora che hai sviluppato anche tu le key competence, trovando soluzioni efficaci ma rispettando sempre il mood.

#fashionshow

Contatta la segreteria per maggiori informazioni
💬 Whatsapp 347.0895438 ✉ segreteria@themakeupartstschool.com

Nessun commento

Lascia un commento

La tua mail non sarà pubblicata.

Puoi usare questi tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

WhatsApp chat